:: HOME :: PROFILO :: ORGANI DI GESTIONE :: STATUTO :: COMUNI :: NEWS :: DOCUMENTI :: RICERCA :: CONTATTI ::
Comune di CASTELLI

Numero abitanti: 1.600
Altitudine: 497 m s.l.m.
Distanza dal capoluogo: Km 40
Frazioni e località minori: Befaro, Colledoro, Palombara, Santa Maria della Neve, Villa Rossi

STORIA

Castelli si distende su uno sperone tra il fiume Leomogna e il fosso Rio, dominato dal Monte Camicia.
Celebre per l'arte della ceramica e punto di partenza per le traversate e le ascensioni alla parte orientale del gruppo del Gran Sasso, è paese di antiche ma ancora oscure origini: il suo nome ricorda le numerose incastellazioni medioevali della zona (celebre la rocca dei Da Pagliara, ove nacque Berardo, Vescovo (1116-1122) e Protettore di Teramo: nei pressi, il suggestivo laghetto, seminascosto nei canneti).

Notevole fu la presenza dei monaci benedettini di San Vincenzo al Volturno, che edificarono vicino al paese il Monastero di San Salvatore, ove trovò rifugio e ospitalità Papa Pasquale II, messo in fuga dall'Imperatore Arrigo V.
Castelli seguì le vicende storiche della Valle del Mavone, meglio nota localmente come Valle Siciliana, perché percorsa dalla Via Cecilia, cosiddetta da Cecilio Metello Diademato, console nel 117 a.C.
Nel Medioevo la Valle fece parte della Contea di Penne e più tardi ebbe un proprio reggimento feudale.
Nel secolo XII Castelli fu sotto il dominio dei Conti di Pagliara (de Pallearia) e, dal 1340 circa, sotto quello degli Orsini, il cui ultimo membro, Camillo Pardo, la contese al Duca di Sessa.

Nel 1526 l'Imperatore Carlo V ne concedette la signoria, col titolo di Marchesato, a don Ferrante Alarçon Y Mendoza; nel 1717 l'imposizione di una tassa sull'industria ceramica generò una rivolta dei Castellani, capeggiati da Francescantonio Grue, che assieme a molti ribelli fu incarcerato, nonostante la stipula di un trattato avvenuta nel 1727 fra il paese e la casa Mendoza.

Assieme al resto della vallata Castelli seguì, infine, le vicende del Regno di Napoli.
Quasi all'ingresso del paese si nota, verso valle, un portichetto con tre colonne, facente parte del palazzo che fu del Cardinale Silvio Antoniano: sull'architrave del portale di facciata l'ospitale motto latino Ostium non hostium 1602.

 

 

L'abitato ha una fisionomia prevalentemente ottocentesca, anche se, nel centro storico, non mancano edifici cinquecenteschi, quali la Casa di Orazio Pompei, con iscrizione del 1567.
Fra gli altri edifici civili è notevole la Casa dei Grue, nonché alcuni antichi forni per la cottura delle ceramiche.

 

Più in alto è la piazza principale, con la Parrocchiale di San Giovanni Battista, edificata nel 1602, con portale rinascimentale.
Nell'interno, a tre navate divise da grosse colonne, si conservano la famosa pala d'altare (Madonna di Loreto e Santi, 1647) di Francesco Grue, l'altare (1617) con il dipinto di San Michele incorniciato da formelle in ceramica, Madonna con Bambino, bella scultura lignea policroma del '200, le parti rimaste dell'ambone in pietra scolpita (sec. XII) proveniente dalla distrutta abbazia di San Salvatore.
Sul colle che sovrasta il paese sorgono la Chiesa e l'ex Convento dei Francescani (sec. XVII), un tempo sede dell'Istituto Statale d'Arte F.A. Grue (fondato nel 1905, poi trasferito a poca distanza, inun moderno complesso) e ora sede del Museo delle ceramiche, istituito nel 1984 dal Comune di Castelli.

Il chiostro, con un ciclo completo di affreschi del 1712, è di grande interesse, come il museo, che raccoglie le più antiche testimonianze, a partire dal '500, fino al '900, e propone le tecnologie e il fascino della porcellana.
Naturalmente il Museo ospita la produzione di tutti i più importanti maestri castellani, ed è fornito di tutte le moderne attrezzature e servizi, anche in chiave didattica, per la visita e lo studio delle collezioni.
A poca distanza dal paese è l'antichissima Chiesa campestre di San Donato, riedificata nel secolo XVII e definita a ragione da Carlo Levi "la Cappella Sistina della maiolica", perché conserva il soffitto a mattonelle maiolicate di arte castellana (1615-1617). Il complesso è oggetto di studio e di pubblicazioni di gran pregio.

Assai interessante è la Chiesa di Santa Maria della Lacrima, detta anche della Cona, che conserva tra l'altro l'affresco staccato della Madonna dipinta da Andrea de Litio, che nel 1499 fu vista lacrimare.
Nell'Istituto Statale d'Arte si trova la raccolta di ceramica contemporanea ed è custodito un o splendido presepe in ceramica con circa ottanta statue.


PERSONAGGI
Oltre che di Berardo di Pagliara (monaco benedettino di San Salvatore, poi di San Giovanni in Venere, quindi Vescovo di Teramo dal 1116 al 1122, po Santo Protettore del capoluogo aprutino) e di numerosi e importanti membri della sua famiglia, assai cospicua sotto il Regno normanno, Castelli è patria di numerosi altri uomini illustri.
Fra gli altri vanno ricordati: Antonio Epicuro (1472-1555), poeta, autore di liriche in lingua latina; il Cardinale Silvio Antoniano (1540-1603), precettore di san Carlo Borromeo e autore di un noto trattato Sulla buona educazione dei fanciulli, ancor oggi di grande attualità e interesse pedagogico; Felice Barnabei (1842-1922, archeologo); Bonaventura Celli (1837-1877, Patologo) e Concezio Rosa (1824-1876), archeologo, famoso per le sue scoperte di reperti preistorici in Val Vibrata.
Grande è, inoltre, il numero di ceramisti di eccelso valore artistico.

ARTIGIANATO ARTISTICO
Nel corso di alcuni scavi venne alla luce la prima strada lastricata di Castelli che, neanche a dirlo, conduceva al Colle dei cavatori, il luogo in cui gli antiche ceramisti castellani estraevano l'argilla per realizzare le loro impareggiabili opere d'arte.
Certamente non si tratta di un caso, ma semmai della conferma che, da sempre, la storia di Castelli e quella delle sue ceramiche viaggiano di pari passo o, meglio, sono indissolubilmente legate.
Celebre in tutto il mondo, l'arte castellana della ceramica risale alla seconda metà del secolo XIII: più tardi, nel 1434, si ha notizia di Nardo di Castelli, mentre nel medesimo secolo erano a capo della produzione locale Renzo di Lanciano e suo figlio Polidoro, fondatori di una "scuola" da cui, fra gli altri, uscirono i Pompei, cioè Tito, Orazio il Vecchio e Orazio il Giovane, quest'ultimo artista di grande valore.
Dallo stile faentino, allora imperante, si affrancò Antonio Lolli, in questo seguito dalla famiglio Grue, gloria della ceramica castellana.
A Carlantonio Grue (1655-1723), figlio del capostipite Francesco, si devono lo stile e la tavolozza caratteristici della famiglia: tra i suoi figli Francescantonio (1686-1746) raggiunse la maggior fama.
Ceramisti insigni furono anche Fedele Cappelletti (nato nel 1682, nipote e allievo di Carlantonio Grue), Giulio Cristofari (sec. XVII, famoso per aver costruito un organo con canne in maiolica e tastiere in ceramica, perfettamente funzionante); Carmine Gentile (nato nel 1679); Pierantonio Tiberi (nato nel 1716) e Gesualdo Fuina (1755-1822).
Quando altrove l'arte maiolicara era già in decadenza, qui essa giungeva al massimo sviluppo: a metà del '700 esistevano ben trentacinque fabbriche, la cui produzione veniva principalmente venduta, con notevoli profitti, alla fiere di Senigallia, di Fermo, di Loreto.
Dalla seconda metà del '700 la produzione decadde, per varie ragioni (che suscitarono l'interesse degli economisti e politici, fra i quali Melchiorre Delfico), ma è sempre sopravvissuta con grande dignità e qualità, oggi incrementata con i giovani allievi dell'Istituto Statale d'Arte Ceramica e favorita da una rinnovata ricerca della qualità da parte di un pubblico sempre più vasto ed esigente, oltre che da una sempre più massiccia presenza di turisti.
Nel nostro secolo, prima della seconda guerra mondiale, interessante anche se di breve durata fu il tentativo dalla Ditta S.I.M.A.C. di introdurre a Castelli l'arte della porcellana: tentativo peraltro condotto con grande esperienza scientifica e avanzate attrezzature tecnologiche, pur sempre accompagnate dalla tradizionale capacità artistica.
Dalle fabbriche castellane uscirono, e tuttora escono, oggetti decorativi e d'uso comune tra i più svariati.
I colori anticamente usati sono il giallo, il verde e l'azzurro: manca completamente il rosso, sostituito dall'arancione.
I soggetti trattati sono anch'essi svariatissimi, e spesso traevano ispirazione o modello dai quadri e dalle stampe, anche degli artisti meno noti.
Le ceramiche di Castelli sono sparse nelle raccolte pubbliche e private di tutto il mondo, ove sono conosciute e ricercate.

ECONOMIA
L'unica vera risorsa del paese è l'artigianato della ceramica, ala quale sono dedite oltre quaranta aziende.

INFORMAZIONI UTILI

Carabinieri: 0861.976155
Posto telefonico pubblico: 0861.979130
Guardia Medica 0861.697264
Ufficio Postale: Piazza Marconi 0861.979120
Municipio: Piazza Roma 0861.979142
Museo delle Ceramiche: Via Convento 0861.979398
Raccolta Istituto d'Arte ceramica 0861.979126
Farmacia Celli: Piazza Roma 0861.979148

 

 

Consorzio B.I.M. Teramo - Viale Cavour, 25 - 64100 Teramo - Tel. 0861.245741 - Fax 0861.247070 - bimteramo@libero.it
C.F. 80002490672 - Note legali - Web Design e Hosting by Genesi