Notizie
Ufficio Stampa - 06/11/2019
Grazie al contributo del Bim completato il progetto “Per una montagna defibrillata”

Sei nuovi defibrillatori sono stati consegnati lo scorso 10 ottobre nella sede del Consorzio Bim di Teramo ai comuni della Valle Siciliana nell’ambito del progetto “Per una montagna defibrillata”, da un’idea dell’associazione “Genius Loci” di Isola del Gran Sasso. I dispositivi salvavita vanno a completare la copertura della vallata aggiungendosi ai sei già installati nei punti più sensibili, a servizio dei comuni dell’entroterra che ne erano sprovvisti e più lontani dai presidi sanitari. Il progetto nella seconda fase è stato realizzato grazie al contributo determinante del Consorzio Bim e ha consentito l’acquisto e l’installazione dei defibrillatori nei territori dei Comuni di Castel Castagna, Castelli, Colledara, Tossicia, Isola del Gran Sasso. Gli apparecchi, corredati di elettrodi pediatrici, kit e borse per il trasporto, sono stati consegnati direttamente ai sindaci dei Comuni interessati dal presidente del Bim, Gabriele Minosse, insieme al vicepresidente Gesidio Frale e ai promotori del progetto: Lorella Di Giuseppe, Cinzia Pietrofaccia ed Emiliano Carginari dell’associazione “Genius Loci”.
Il progetto è stato avviato tre anni fa con l’ambizioso obiettivo di arrivare a defibrillare tutta la vallata siciliana, installando gli apparecchi in punti strategici del territorio, e con il fondamentale supporto della Croce Bianca di Isola del Gran Sasso che, insieme al cardiologo Giancarlo Speca, ha condotto le attività di formazione destinate ai cittadini per l’utilizzo delle attrezzature. I primi defibrillatori così acquistati sono stati collocati nelle varie frazioni del comune di Isola del Gran Sasso, che ne erano completamente sprovviste e precisamente in località Cerchiara, San Pietro, Colliberti – San Massimo, Trignano, Casale San Nicola e a Chiarino di Tossicia.
Ai sei apparecchi già collocati si aggiungono ora sei nuovi defibrillatori, acquistati nella seconda fase del progetto grazie al contributo del Consorzio Bim, che andranno a completare la copertura del territorio di Isola nelle località di Forca di Valle, Fano a Corno e Capsano, e dell’intera vallata, coinvolgendo anche le frazioni dei comuni di Tossicia, Castelli, Castel Castagna e Colledara. All’installazione dei defibrillatori seguiranno le attività formative sul posto destinate ai cittadini, sempre a cura della Croce Bianca di Isola.
«Un progetto di grande importanza, al quale il nostro Consorzio ha aderito da subito con convinzione, sentite anche le esigenze dei territori interessati – spiega il presidente del Bim Teramo, Gabriele Minosse - e ci siamo resi disponibili anche a dotare gli apparecchi delle apposite teche di protezione. A completamento del progetto “Per una montagna defibrillata”, stimato per la fine del 2020, ci sarà la messa in rete con la Centrale Operativa del 118 provinciale, con la comunicazione dell’esatta ubicazione dei dispositivi geo-localizzati e dei nominativi e recapiti dei cittadini abilitati al loro utilizzo”.

“Per la copertura delle varie aree della zona montana – dichiara la responsabile del progetto dell’Associazione “Genius Loci”, Lorella Di Giuseppe - ringraziamo il Consorzio Bim che ha sposato in pieno gli obiettivi dell’iniziativa, che nella sua prima fase è stato realizzata grazie all’aiuto prezioso delle associazioni locali di Isola: “Le Tre Porte”, “Tarus”, “Sotto un Ponte” , la Croce Bianca di Isola, l’Unitalsi e Protezione civile “Isola Emergenze”, Lions Club Valle Siciliana, le proloco Insula 2.0, San Massimo, Cerchiara e Chiarino, attraverso l’organizzazione di vari eventi benefici quali cene, partite, lotterie e altri. Ringraziamo la Croce Bianca di Isola e tutti i volontari che hanno messo davvero il cuore in questo progetto».




Cambia lingua


Cerca nel sito



Informativa Cookie
Discover Teramo

Amministrazione trasparente

Federbim

Fatturazione Elettronica PA

Albo Pretorio

Pec



Web Mail



30
7
12954
20434